Ti ho parlato già di come realizzare splendide foto con effetto seta e sicuramente in quel caso hai capito l’importanza dell’utilizzo di Filtri ND. Oggi voglio spiegarti nello specifico cosa sono e come devono essere utilizzati i filtri fotografici nd.

Filtri ND: indispensabili accessori dei fotografi

I Filtri ND sono indispensabili per ottenere moltissimi effetti che si usano nella Fotografia Paesaggistica.

Partiamo in primis spiegando il significato di ND. Un filtro a densità neutra (denominato appunto ND) serve per ridurre l’intensità della luce che raggiunge l’obiettivo, modificando le condizioni relative al diaframma e ai tempi di scatto, alterando, di conseguenza, l’esposizione.

Questa alterazione è utile in fase di scatto per offrire al fotografo una maggior versatilità di scena, scegliendo parametri di esposizione differenti rispetto al classico consentito.

Per questo motivo i Filtri vengono spesso usati per fare lunghe esposizioni di giorno quando la luce è molta e si vogliono allungare i tempi di apertura.

I Filtri sono prodotti in un vetro che presenta differenti oscuramenti a seconda del livello di filtraggio della luce. Tecnicamente tutte le componenti luminose dovranno essere filtrate uniformemente dal vetro per evitare la presenza di colori dominanti nella fotografia.

L’ND è un filtro grigio che detiene una costante opacità indipendentemente da tutti i colori dello spettro luminoso, senza alterare le caratteristiche della fotografia in termini di colori. Riducendo parte della luce, rende possibile scattare con esposizioni più lunghe.

I filtri neutri ND, attenuando la quantità di luce che giunge al sensore della macchina fotografica, si comportano come un normalissimo paio di occhiali da sole.

Come si usa un Filtro ND? Ecco i Parametri di Esposizione

A seconda della capacità di assorbimento della luce, i filtri ND presenti sul mercato possono essere disponibili con gradazioni differenti, e quindi con una colorazione più o meno scura.

A ciascun filtro è correlato un numero che indica un valore di densità; un filtro ND 2, ad esempio, ha densità 2 e filtra la metà della luce (che corrisponde all’assorbimento di uno stop).

Questo concetto va ad inficiare i parametri di scatto, i quali vanno corretti manualmente. Se con un certo valore di apertura diaframma il tempo corretto sarebbe di mezzo secondo, con un filtro ND2 applicato il tempo raddoppierà e sarà quindi di un secondo.

Con un ND4 la luce che passerà sarà pari a 1/4 (un quarto) di quella reale e quindi si perderanno ben 2 stop: così il tempo, da mezzo secondo, passerà a 2 secondi. (sarà quindi 4 volte tanto).

I filtri a densità neutra più utilizzati sono quelli a 10 stop (filtri nd 1000) che permettono un notevole allungamento dei tempi di esposizione.

Esiste poi anche il filtro GND detto anche filtro ND graduato e si caratterizza per avere una colorazione che da grigio scuro diviene trasparente progressivamente dall’alto verso il basso. Qualcuno ha una netta linea di demarcazione ma il più delle volte il passaggio è graduale e fluido, per poter garantire una maggior naturalezza dello scatto.

Quando si tratta di riprendere scene in cui vi è la presenza dell’orizzonte, quindi con un netto stacco tra cielo e terra, dovrai preferire uno stacco più netto della linea.

Inoltre i filtri possono essere di diverse tipologie:

  • a vite circolari: vengono avvitati direttamente sull’obiettivo, proprio per questo devono avere lo stesso diametro dell’obiettivo, anche se in commercio esistono degli adattatori;
  • filtri ND a lastra: vengono inseriti all’interno di un porta filtri o holder montato sull’obiettivo, possono essere usati su diversi obiettivi con diametri diversi, sono molto più costosi di quelli a vite ma di qualità maggiore.

Quali sono i benefici dei filtri ND

I filtri a Densità Neutra possono essere impiegati per ottenere alcuni benefici pratici che valorizzano l’immagine finale:

  • aumentare i tempi di scatto;
  • aprire maggiormente il diaframma ed ottenere una riduzione della profondità di campo;
  • osservare, meglio dal mirino della macchina fotografica, un soggetto eccessivamente illuminato;
  • resa della fotografia migliore e più equilibrata.  

Come si utilizzano i Filtri ND

Usare Filtri a Densità Neutra è semplicissimo, basta seguire alcune piccole accortezze.

Può capitare, in alcune situazioni, che la luce sia talmente fioca da non far attivare i meccanismi di calcolo necessari per l’autofocus; nulla di complicato, basterà procedere come segue:

  • Mettere a fuoco prima di installare il filtro (automaticamente oppure manualmente)
  • Attivare il blocco MF della messa a fuoco
  • Memorizzare i valori normali di scatto (meglio se in modalità automatica, priorità dei tempi o di diaframma)
  • Mettere la fotocamera in modalità manuale
  • Montare il filtro
  • Partendo dai valori memorizzati calcolare i nuovi valori di scatto (incremento tempo e apertura diaframma)

Acquisto: Filtri ND quali comprare 

Devi scegliere i Filtri in con molta attenzione e logica. Quando si parla di filtri bisogna pensare che questi sono accessori che vanno installati davanti alla lente dell’obiettivo e quindi l’influenza che il materiale di costruzione può generare sull’elaborazione fotografica del sensore risulta essere davvero sensibile.

Acquistare un Filtro ND permette di scattare fotografie in modo più versatile dando spazio alla creatività, ottenendo fotografie più dinamiche; allungando i tempi, infatti, si possono cogliere dei movimenti che danno alla foto una certa fluidità senza che però questa appaia mossa.

Di seguito ti elenco una serie di Filtri ND che puoi acquistare:

Filtri ND NiSi;

Filtri ND Haida;

Filtri ND Hoya;

Filtri ND K&F;

Filtri ND Neewer;

Filtri ND Gobe.

Leggi anche Come simulare lunghe esposizioni senza usare un Filtro ND.

Ora che sai quali filtri nd scegliere e come fotografare con filtro nd puoi realizzare splendide foto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *