Come ben sai adoro fotografare le stelle e l’estate è il momento migliore anche per fotografare la via lattea. In questo articolo ti svelo quale obiettivo per la fotografia notturna puoi utilizzare per la tua sessione fotografica.

Da marzo fino a settembre il nucleo della via lattea è ben visibile dal nostro paese; potrai realizzare foto notturne ancora più straordinarie ed incantevoli.

Come scegliere il giusto obiettivo per la fotografia notturna

Obiettivo per la fotografia notturna

Di seguito ti illustrerò quale obiettivo per la fotografia notturna scegliere in base al rapporto qualità-prezzo.

Vediamo i requisiti che dovrebbe avere un obiettivo per la fotografia notturna

  • Grande apertura: un’ampia apertura consente di illuminare maggiormente il sensore della fotocamera e non sbilanciare il rapporto tra ISO/luce reale;
  • Ampia lunghezza focale: fotografando le stelle potresti rischiare di includere anche la loro scia nella foto. Utilizzando un obiettivo per la fotografia notturna con una lunghezza focale più ampia eliminerai tale rischio; con un obiettivo grandangolare puoi servirti di tempi di posa più lunghi e lasciare più luce sul sensore della fotocamera.
  • Elevata nitidezza: per la fotografia notturna diventa essenziale un obiettivo molto nitido perché si effettuano riprese a diaframmi aperti e, in questa circostanza, alcuni obiettivi sono significativamente meno nitidi di altri a parità di tutta apertura;
  • Basso coma: le lenti, soprattutto ai bordi, possono soffrire di fenomeni di coma. Il coma, in ottica, si verifica quando un punto di luce non è più puntiforme ma assume una forma anomala sembrando quasi una macchiolina più che un punto nitido e preciso. Le buone lenti hanno meno coma;
  • Bassa vignettatura: se gli angoli della foto sono eccessivamente scuri è necessario schiarirli in fase di post-produzione. Niente di preoccupante se si scatta in piena luce ma problematico, all’occorrenza, nella fotografia notturna poiché il recupero di zone scure aggiunge molto rumore.

In poche parole le funzioni più importanti di un obiettivo per la fotografia notturna sono l’apertura massima e la lunghezza focale ampia. Queste caratteristiche, infatti, influiscono sulla quantità di luce che raggiunge il sensore della fotocamera.

Facendo un passo indietro, prima di buttarci sulla scelta del tuo obiettivo per la fotografia notturna, devi conoscere la “regola del 500”.

Tranquillo niente di più semplice. Questa regola afferma che, per evitare stelle mosse, il tempo di posa più lungo che puoi usare è pari a 500 diviso la lunghezza focale della tua lente.

Te lo spiego meglio con un esempio:

se la lunghezza focale è 20 mm, la regola del 500 indica che è possibile utilizzare una velocità dell’otturatore di 500/20 = 25 secondi.

Molti fotografi anziché questo valore (500) utilizzano sempre più un valore pari a 350. Il diminuire di questo fattore è dovuto al fatto che le nuove fotocamere hanno sempre più pixel, il che significa che possono arrivare a rilevare movimenti delle stelle sempre più piccoli.

Ti ricordo, quindi, di verificare, prima di effettuare lo scatto finale, il tempo di posa che puoi utilizzare per fotografare le stelle per una determinata lunghezza focale.

Obiettivo per la fotografia notturna

Obiettivo per la fotografia notturna: apertura e lunghezza focale

I fotografi esperti hanno rilevato che un cielo estremamente pulito con assenza di inquinamento luminoso e con stelle molto visibili tende a far venire mosse le stelle molto più velocemente, appunto perché entra più luce nel sensore grazie alle condizioni estremamente favorevoli.

Rispondere alla domanda qual è il migliore obiettivo per la fotografia notturna è difficile. Le cose si complicano ulteriormente quando inizi a utilizzare obiettivi su fotocamere con diverse dimensioni del sensore.

La risposta la puoi trovare solo sul campo anche in rapporto agli ISO che andrai ad utilizzare. Per scegliere un obiettivo per la fotografia notturna devi trovare la giusta combinazione di questi fattori: apertura e lunghezza focale insieme agli ISO.

Obiettivo per la fotografia notturna: profondità di campo durante la notte

Per la fotografia notturna un obiettivo con maggiore profondità di campo risulta più indicato.

Anche con un obiettivo per la fotografia notturna grandangolare potresti avere ancora problemi a mettere tutto a fuoco di notte. 

Una tecnica è quella di utilizzare il live view e mettere a fuoco, ingrandendo con lo zoom, una stella in particolare. Poi verificare se anche il panorama sottostante sia completamente a fuoco.

Leggendo questo articolo avrai capito che la fotografia notturna è una delle tecniche più impegnative per utilizzare la tua attrezzatura fotografica. Non tutti gli obiettivi sono all’altezza.

Insieme a tutte queste difficoltà ti ritroverai a dover lavorare con pochissima luce. Gli unici strumenti a tua disposizione sono il tempo di posa ed il diaframma che verranno spinti fino al punto massimo.

Non abbatterti ma continua a provare. La prima volta che porterai a casa una buona foto della Via Lattea o di un cielo stellato sarai ampiamente ripagato e molto soddisfatto.

Se l’articolo ti è piaciuto ti chiedo di condividerlo sui tuoi social.

Di seguito ti lascio il link ad un altro mio articolo dove ho consigliato alcune tecniche per  realizzare fantastiche foto notturne:

Come fare fotografie notturne: ecco 5 tecniche utilissime

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *