Se ti stai appassionando da poco alla fotografia avrai sentito parlare di Full Frame ma forse non sai cosa significa Full Frame e a cosa ci si riferisce quando viene utilizzato questo termine.

Te lo spiego subito: Full Frame sta ad indicare quelle fotocamere a ”formato pieno” che si differenziano dalle fotocamere APS-C.

Ti ho confuso ancora di più? Tranquillo, procediamo con calma; continua la lettura e capirai sicuramente di cosa stiamo parlando.

Cosa significa Full Frame?

Full frame come detto in precedenza sta ad indicare il formato pieno: per fare un parallelismo con il mondo analogico significa parlare dello stesso formato che aveva la pellicola da 35 mm. Più semplicemente potremmo dire che il full frame è quanto di meglio si possa desiderare da una fotocamera per avere la migliore qualità d’immagine.

Ciò che cambia è il sensore

Il sensore è un po’ come una finestra: più è grande, più luce riesce ad assorbire e più dettaglio di immagine potrà restituire. Essendo il full frame il formato più grande che si può avere nell’ambito delle fotocamera digitali, sia ad ottica fissa che intercambiabile, è anche quello che riesce a restituire il miglior dettaglio possibile. Ciò consente ai produttori di spingersi più in alto in termini di risoluzione, ma anche per ciò che riguarda la possibilità di costruire algoritmi e processori che riducano il cosiddetto rumore digitale in condizioni di scarsa luminosità, sia in ambienti esterni che indoor.

Caratteristiche di una macchina fotografica full frame

Le fotocamere con sensori più grandi di solito sono in grado di gestire meglio la sensibilità ISO e spingersi a ricevere più luce senza produrre rumore fotografico. Questo vuol dire che sono in grado di lavorare meglio in condizioni di scarsa illuminazione.

Di solito sono anche più performanti per quanto riguarda l’effetto bokeh. Le fotocamere con sensori più piccoli hanno difficoltà ad allontanarsi dal soggetto e devono avere quasi obbligatoriamente una focale più corta e veloce.

Significato di Full Frame

Quindi per farla breve, un sensore più grande è in grado di catturare immagini di qualità migliore e di riuscire a raccogliere molta più luce degli altri sensori. Questo comporta, ovviamente, un costo maggiore da parte delle fotocamere Full Frame.

Esempi di Macchine Fotografiche Full Frame

Questi sono solo alcuni degli esempi di Macchine fotografiche con sensori Full Frame, in commercio ce ne sono molte altre.

Differenza tra sensore Full Frame e sensore APS-C

Quali sono le differenze tra i sensori digitali APS-C o full frame

Il sensore di una fotocamere APS-C come la mia Nikon D3200 è di dimensioni inferiori e questo fa si che la dimensione dell’immagine viene ritagliata.

E’ proprio in questi casi che entra in gioco il fattore di crop, perché lo stesso obiettivo su una fotocamera full frame ed una APS-C avrà una lunghezza focale differente.

Ecco perché devi sapere che calcolare il fattore di crop molte volte può essere davvero utile, in modo da riuscire a capire immediatamente qual è la focale equivalente degli obiettivi se utilizzati su fotocamere con sensore inferiore al Full Frame è molto importante.

Non è difficile ma lo vedremo in un nuovo articolo.

Formato Full Frame

Spero che in questo articolo ti ho chiarito le idee sulla definizione di Full Frame e sulla differenza con le macchine fotografiche con sensori di diverso formato.

Se hai ancora domande scrivile nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *